MIgliori Cuffie ed Auricolari

Share on Facebook2Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Email this to someone

Come Scegliere le Cuffie Migliori?

Cosa cerchi in un paio di cuffie o di auricolari? Cuffie Wireless, cuffie Bluetooth o Cuffie Sennheiser? Sul mercato ci sono molti modelli e marche di cuffie e vorremo fare un po’ di chiarezza per contribuire alla vostra scelta delle migliori.

Di seguito trovate una tabella con le varie marche di cuffie: Akg, Audio-Technica,  Beats, BeyerdynamicGrado, Philips, Sennheiser, Sony. Potete trovarle sul sito di Amazon.it

FotoCuffieTipoOhmRecensione
AKG K550Cuffia Chiusa32Recensione Tecnica
Beyerdynamic DT 990 PROCuffia Aperta - Over Ear250Recensione Tecnica
Audio Technica ATH-M50XCuffia Chiusa38Recensione Tecnica
Sennheiser HD598Cuffia Aperta - Over Ear50Recensione Tecnica
Beats Dr.Dre Solo HD-On-EarCuffia Chiusa - On EarRecensione Tecnica
Philips Fidelio X1Cuffia Aperta - Over Ear30Recensione Tecnica
Marshall MajorCuffia Chiusa32Recensione Tecnica
Sennheiser HD518Cuffia Aperta - Over Ear50Recensione Tecnica
Sennheiser MomentumCuffia Chiusa - Over Ear18Recensione Tecnica
GRADO SR60iCuffia Aperta - On Ear32Recensione Tecnica
Sennheiser RS-120 IICuffie Wireless - Over Ear24Recensione Tecnica
Sony MDRRF865RKCuffie Wireless40Recensione Tecnica

La qualità del suono è importante, ma ad alcuni, piacciono particolarmente i bassi per ascoltare musica rap, hip hop o deep house, altri preferiscono la precisione complessiva del suono. Altri fattori includono l’isolamento, il comfort, il peso e la portabilità.

Avete bisogno di cuffie o auricolari per collegarvi ad un lettore portatile? Oppure stai cercando un paio di cuffie da studio per le registrazioni ed il mixaggio? La seguente discussione dei diversi tipi di cuffie e auricolari e le loro applicazioni vi darà le conoscenze di base necessarie per scegliere il modello giusto per il vostro scopo.

Il modo migliore per valutare le cuffie è quello di ascoltarle. Provate ad ascoltare un brano musicale suonato con la chitarra acustica o con il pianoforte e sentirete facilmente la differenza tra un buon suono ed un suono scadente. Molto spesso due cuffie che riproducono suoni diversi hanno delle caratteristiche tecniche simili.

Probabilmente la specifica che tutti sono abituati a vedere è il prezzo. In generale, la qualità e le prestazioni sono fortemente legati al cartellino del prezzo.

La dimensione del driver è una caratteristica importante, soprattutto se si vogliono dei bassi accentuati. In genere, più grande è il driver, maggiore è la sua capacità di riprodurre le basse frequenze.

Caratteristiche come la gamma di frequenza, sensibilità, ecc, possono essere utili per gli acquirenti consapevoli che decidono tra un paio di cuffie di fascia alta (magari da utilizzare in studio) , ma non particolarmente utile per un acquirente meno esperto scegliendo tra le cuffie di fascia più bassa. Un modo più utile di scegliere tra i vari modelli e marchi è quello di leggere le recensioni di chi le ha già provate.

Cuffie o auricolari?

In generale, le cuffie di fascia alta sono necessarie per chi con l’audio ci lavora (registrazione e mixaggio). Detto questo, ci sono molte cuffie di fascia media, che offrono prestazioni per soddisfare le esigenze dei musicisti, per chi ha il piacere di ascoltare una traccia audio in maniera limpida e per chi ha budget modesti.

Gli auricolari, anche spesso chiamati cuffie in-ear, sono in genere inclusi con lettori mp3 portatili e smartphone di fascia medio alta. Sono spesso sostituiti dai consumatori con i modelli di migliore qualità che garantiscono un migliore suono e comfort.

Anche gli auricolari non sono tutti uguali, infatti non bisogna confondere quelli che vengono utilizzati, ad esempio, per monitorare spettacoli dal vivo o per correre, con quelli venduti ad un prezzo che spesso non supera i 10 euro.

Potrebbe interessarti: auricolari Bluetooth

Cuffie pre equalizzate

Quando si ascolta lo stesso brano attraverso diverse cuffie, sentirete le differenze che sono dovute in parte, alla equalizzazione delle cuffie per rendere il suono migliore. In molti auricolari e cuffie aperte si tende ad aumentare le basse frequenze per contrastare la perdita naturale dei bassi attraverso la parte posteriore della cuffia o del canale uditivo.

La maggior parte delle cuffie di fascia medio-bassa viene in qualche modo equalizzata. Ci sono due modi per rendere il suono migliore: con il campo libero (FF) ed il campo diffuso (DF). Il primo simula un ambiente di ascolto aperto senza riflessione ed il secondo simula un ambiente di ascolto chiuso come una stanza. Per un ascolto critico, un buon ascoltatore non vorrà una cuffia pre equalizzata, ma piuttosto una risposta in frequenza piatta che permetta di confrontare ed impostare con precisione i livelli delle impostazioni.

Tipi di cuffie

Circumaurale: Questo tipo di cuffia può essere chiusa o aperta, a volte sono indicate come “over the hear”. Il padiglione e la imbottitura circonda l’orecchio. Queste cuffie sono generalmente confortevoli e la tipologia chiusa, fornisce l’isolamento dai suoni esterni e mantiene il suono interno (fate attenzione se ne comprate una chiusa o aperta!). Un design circumaurale è una buona scelta per la registrazione e le applicazioni per i DJ che hanno bisogno di controllare la musica in ambienti rumorosi.

Supraurali: Le cuffie con questo disegno sono simili a cuffie circumaurale, solo che invece di circondare l’orecchio, poggiano su di esso. Solitamente queste cuffie sono più leggere e quindi più confortevoli. Ma poiché non sigillano l’orecchio, non isolano tutti i suoni.

Cuffie aperte: Conosciute anche come  anche come cuffie open-back, possono essere sia circumaurale che sovraurale, ma la parte posteriore di ciascun auricolare è aperto, consentendo al suono di fuoriuscire liberamente in entrambe le direzioni. Poiché non sono isolate, non sono una buona scelta per la registrazione di applicazioni in studio. Se usato da un cantante, per esempio, il suono che fuoriesce dalle cuffie verrà sentito e registrato dal microfono, influenzando la qualità finale. La loro qualità positiva è un suono aperto, arioso che non affatica le orecchie, che li rende una buona scelta per l’ascolto in generale.

Semi-aperto: Questo tipo di cuffia, come suggerisce il nome, cade tra una cuffia aperta e una chiusa. Si può verificare qualche dispersione sonora, ma meno di una cuffia totalmente aperta. Le cuffie semi-aperte di solito offrono un campo stereo realistico, bassa distorsione, ed una buona risposta alle basse frequenze.

Cuffie chiuse: Questo tipo offre il massimo isolamento acustico. Il retro della cuffia è totalmente chiuso, che, insieme ad una tenuta efficace intorno all’orecchio, impedisce al suono di passare in entrambe le direzioni. Questo design è particolarmente utile per il monitoraggio in ambienti rumorosi, e per l’uso in registrazione perché non fuoriescono suoni che potrebbero essere captati dal microfono. Tendono inoltre ad avere una forte risposta dei bassi. Un lato negativo potrebbe essere l’affaticamento dell’orecchio se usate per lunghi periodi, anche se ci sono cuffie chiuse estremamente comode.

Cuffie portatili: Questa tipologia di cuffie è leggera e le rende ideali per l’uso attivo, quelle che vengono fornite in dotazione con i player mp3 o smartphone sono a buon mercato e si consiglia di sostituirle con le cuffie di qualità migliore. Poiché permettono di sentire i suoni esterni, come auto e moto, sono adatte per l’uso esterno, soprattutto quando è importante essere non completamente isolati.

Auricolari: gli auricolari offrono il massimo in termini di portabilità e leggerezza. Si inseriscono nell’orecchio e formano una guarnizione che isola il suono in modo che solo voi lo possiate sentire. Le migliori cuffie auricolari, offrono un’eccellente qualità del suono, considerando i piccoli driver. Tuttavia, la risposta dei bassi può essere debole, in particolare quando non entrano bene nel canale uditivo. Alcuni modelli sono dotati di gommini in silicone intercambiabili per fornire una migliore vestibilità nel condotto uditivo.

Cuffie Noise Canceling: Come molti pendolari sanno, l’ascolto di musica durante i viaggi in auto, tram, treno, aereo, è reso difficile dal livello generale di rumore di fondo. Per gli ascoltatori critici, questo può essere frustrante, perché confonde le sfumature della musica. Le cuffie noise canceling (a cancellazione di rumore) sono progettate per rimuovere il rumore di fondo. Lo fanno per mezzo di tecnologia a cancellazione di fase. Alcuni modelli incorporano la tecnologia Bluetooth per togliere l’ingombro dei cavi collegandosi poi via computer e smartphone.

Cuffie wireless:(senza fili): Il vantaggio di non avere cavi è evidente: siete liberi di vagare dove volete (o quasi) mentre si ascolta la musica. Questa tipologia di cuffie, opera su tre tipi di tecnologia: infrarosso, RF (radio frequency), e varie tecnologie digitali, tra cui il Bluetooth. I modelli a infrarosso hanno una distanza di ricezione più corta e necessitano di essere orientate verso il trasmettitore, inoltre offrono, in genere, la qualità del segnale più basso. I modelli RF trasmettono attraverso i muri, ma la qualità acustica ed il suono possono avere dei problemi. Il wireless digitale converte il segnale, in uno codificato digitale per poi riconvertirlo in analogico. Questo tipo ha meno rumore di fondo degli infrarossi e dell’RF, ma è più costoso e richiede anche l’alimentazione per il trasmettitore e alimentazione a batteria per le cuffie.

Cuffie DJ: Ci sono anche le cuffie destinate all’uso DJ. Questi sono di solito le cuffie circumaurali chiuse, progettate per l’isolamento acustico. Molte sono cuffie standard con 2 driver, ma i DJ usano anche le cuffie con solo una driver. Questo permette loro di sentire il loro mix ed il suono che li circonda contemporaneamente. In genere, le cuffie DJ hanno un suono più alto, così da essere ascoltate anche a livelli sonori ambientali elevati. Molti hanno i padiglioni girevoli per il comfort e cavi sostituibili staccabili. Generalmente le cuffie DJ sono costruite in modo robusto per gestire l’usura del lavoro.